Spaghetti ai ricci di mare – Vera ricetta siciliana

Spaghetti-con-i-ricci-di-marePrimo piatto molto diffuso nella cucina siciliana, particolarmente adatto alla stagione estiva, quando i ricci si raccolgono freschissimi lungo le coste.

Facile e veloce da preparare, un primo semplice e sontuoso che esalta con forza il gusto e il profumo del mare come pochi altri piatti riescono a fare: gli “spaghetti ai ricci di mare”, bontà per veri intenditori. I ricci sono gli indicatori biologici dello stato di salute del mare, dove ci sono ricci, il mare non è inquinato.

ricci-di-mareI ricci di mare sono di due tipi, uno commestibile che è quello con le spine colorate (paracentrotus lividus) comunemente indicato come la femmina, e quello completamente nero che non ha uova all’interno (arbacia lixula) comunemente indicato come il maschio . È bene tuttavia chiarire che i ricci non sono ne maschi ne femmine in quanto ermafroditi, noi ovviamente per preparare il nostro piatto prenderemo quelli con le uova (ecco perché chiamate femmine).

Ingredienti per 4 persone

400 gr di spaghettoni
40 ricci di mare
1 spicchio di aglio
Qualche ciuffo di prezzemolo tritato
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale q.b.
Pepe q.b.

  1. Tagliare la calotta superiore ai ricci (come in foto) e asportare delicatamente con un cucchiaino le uova interne, ponendole in una terrina a parte.
  2. Cuocere gli spaghetti (preferibilmente al dente) in abbondante acqua salata;
  3. nel frattempo, in un largo tegame versare 6 cucchiai di olio e lo spicchio d’aglio tagliato a pezzetti, fare rosolare qualche minuto poi aggiungere mezzo cucchiaio di polpa di ricci e far cuocere ancora per qualche istante ;
  4. scolare gli spaghetti e versarli nel tegame, rimestare delicatamente per un minuto, quindi spegnere il fuoco, aggiungere la rimanente polpa dei ricci, amalgamare ed aggiustare di sale e pepe;
  5. sistemare il tutto in una piatto da portata (meglio se ovale), spolverare con il prezzemolo tritato e servire subito ben caldi.

Raccomandazioni.

Non cuocete tutti i ricci, il sapore andrebbe perduto, mezzo cucchiaio e sufficiente per insaporire il soffritto. Non condite con parmigiano o peggio pecorino, state gustando il “mare”, rovinereste tutto.

Precedente Elezioni Grecia, Varoufakis molla Tsipras: "mai più con lui" Successivo Dimagrire in fretta e bene: ecco come