Stasera ci sarà la Superluna più grande del 2019: appuntamento imperdibile… meteo permettendo

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questa sera è in arrivo la Superluna più grande dell’anno che apparirà nella volta celeste più luminosa, brillante, tonda e non rossa come la Superluna del Lupo di sangue che abbiamo ammirato lo scorso 21 gennaio

Il 2019 è l’anno della “Luna” in tutte le sue sfaccettature, sfumature e mutamenti. Il Plenilunio è atteso a partire dalle 16:53 di oggi 19 febbraio 2019 e per godersi al meglio lo spettacolo è consigliabile recarsi in un vasto spazio all’aperto e lontano dall’inquinamento artificiale come: la campagna, la montagna o il mare, se è possibile.

La luna si trova in fase di plenilunio e verrà a trovarsi nel punto più vicino alla Terra lungo la sua orbita detta: perigeo.  La “Superluna” dal punto di vista scientifico, indica il perigeo lunare e rende bene l’idea dello spettacolo che andremo ad ammirare, sempre meteo permettendo; dunque, non solo apparirà più luminosa, ma anche circa il 7% più grande di una luna piena normale e il 30% più luminosa di una normale luna piena.

Il termine Superluna è stato coniato dall’astrologo Richiard Nolle definendola “ un novilunio o plenilunio ” che si verifica quando la luna si trova entro il 90% dalla Terra in una data orbita, ovvero: a 361.836 Km di distanza, sicché in base a questa definizione si verificano tra 4 e 6 Superlune in media ogni anno.

Se la luna percorresse un’orbita perfettamente circolare attorno alla Terra, la sua distanza dal nostro pianeta sarebbe costante, come anche il diametro apparente della Luna.

Dato che la luna percorre un’orbita ellittica, ne consegue che non si troverà sempre alla stessa distanza dalla Terra, ma ad una distanza variabile tra il perigeo con valore minimo a circa 356.410 Km e l’apogeo con valore massimo a circa 406.740 Km. All’apogeo la luna apparirà leggermente più piccola rispetto a quando si trova al perigeo.

La differenza tra i punti di massimo e minimo è di circa 50.000 chilometri, abbastanza per farla apparire in media del 14% più grande e del 30% più luminosa al perigeo. Si tratta di un normale fenomeno dovuto al fatto che la luna si trova alla minima distanza dalla Terra, un fenomeno ciclico e non raro, ma comunque sempre suggestivo.

Il 2019 è l’anno della Luna; essa è sempre più vicina. Se non volete perdere gli altri avvenimenti astronomici è bene prendere nota: il 21 marzo, a ridosso dall’equinozio di primavera; il 21 aprile; il 5 maggio; il 18 maggio; il 10 gennaio; il 9 luglio; il 16 luglio; il 12 agosto; il 21 ottobre; l’11 novembre e il 13 dicembre 2019.

La “Luna” ha sempre ispirato poeti, scienziati, artisti, pensatori e rimane uno spettacolo suggestivo che sempre affascina, emoziona e conquista l’anima di ogni essere umano.

È bene menzionare degli aforismi sulla Luna: “quando spunta la luna tacciono le campane e i sentieri sembrano impenetrabili;quando spunta la luna il mare copre la terra e il cuore diventa isola nell’infinito” di Federico Garcìa Lorca.
C’era la luna proprio sopra e la città mi parve fragile, sospesa come una ragnatela, con tutti i suoi vetrini tintinnati, i suoi filiformi ricami di luce, sotto quell’eserescenza che gonfiava il cielo” di Italo Calvino.
“Mira alla luna; se la manchi potresti colpire una stella” di W. Clement Stone.
“Non giurare sulla luna, l’incostante luna che si trasforma ogni mese nella sua sfera, per paura che anche il tuo amore si dimostri, come la stessa luna, mutevole” di Shakespeare (Romeo e Giulietta).

di Valeria Tornambè


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Voto online M5S. Vince il no, il 59% boccia il processo a Salvini. Per Di Maio: “Valutato l’interesse pubblico” Successivo Corpo & Mente. Tieni il tempo e abitua lo stress ballerino a seguire il giusto ritmo