La Russia è pronta a combattere la Turchia, Medvedev: “Proteggono l’ISIS”, schierati missili S400

La Russia è pronta a combattere la Turchia, Medvedev: “Proteggono l’ISIS”, schierati missili S400

s-400“Le azioni della Turchia sono de facto a tutela dello Stato Islamico “, ha detto il Primo Ministro russo Medvedev, chiamando il gruppo terroristico  da sempre denominato con l’acronimo ISIS, con questo “nuovo modo” più chiaro “Stato Islamico”, a riferirlo oggi è RussiaToday.

“Questa non è una sorpresa, considerando le informazioni che abbiamo sui diretti interessi finanziari di alcuni funzionari turchi relativi alla fornitura di prodotti petroliferi raffinati da impianti controllati dall’ISIS”.

“Le azioni sconsiderate e criminali delle autorità turche… hanno provocato una pericolosa escalation delle relazioni tra la Russia e la NATO, che non può essere giustificata da alcun interesse, compresa la protezione dei confini di Stato “, ha detto Medvedev, facendo riferimento alle parole di ieri di Putin che in breve affermava che essendo un solo bombardiere di vecchia generazione ed essendo in corso operazioni contro l’ISIS, la Turchia non aveva ragione di temere alcun tipo di attacco da parte russa.

Secondo il primo ministro, la Russia sta valutando di annullare diversi progetti importanti con la Turchia e il blocco di tutte le società turche dal mercato russo.

La Russia ha già ufficialmente “consigliato” ai suoi cittadini di non recarsi in Turchia, citando minacce terroristiche, con conseguente diversi operatori turistici russi che si sono ritirati dal mercato Turchia.

Intanto,dopo aver schierato un incrociatore da guerra, aver disposto che nessuna azione militare russa verrà più effettuata senza la scorta di caccia da combattimento ed aver recuperato uno dei piloti ancora vivo grazie all’intervento dei reparti speciali russi e dell’esercito siriano ufficiale e lealista ad Assad – purtroppo l’altro pilota è caduto in mano ai “ribelli moderati”, così chiamati dagli USA, ed è stato brutalmente assassinato -, la Russia ha ora anche deciso di schierare le batterie missilistiche di ultima generazione S400.

“Il sistema missilistico S-400 sarà dispiegato presso la base aerea russa siriana di Khmeimim”, ha riferito il Ministro della Difesa russo Shoigu.

L’S-400 è il sistema russo di difesa antiaerea più avanzato, impiegato per assicurare la difesa aerea con missili a lungo e medio raggio in grado di colpire bersagli aerei a distanze fino a 400 chilometri. L’S-400 è in grado di colpire aerei tattici e strategici, nonché missili balistici e da crociera. Il sistema comprende una serie di radar, lanciamissili e posti di comando, ed è gestito esclusivamente da militari russi.

La base aerea russa di Khmeimim a Latakia, in Siria, ospita gli squadroni dell’aeronautica russa di caccia da combattimento Su-27SM e Su-30, e i bombardieri tattici Su-34 e Su-24.

Visite: 148