Tsipras è caduto in trappola per inesperienza o per mancanza di “palle”?


Burocrati non eletti da nessuno, ma che hanno il vero potere, hanno infilato Tsipras in una trappola in cui è caduto o per inesperienza o per mancanza di “palle”. Ne avevamo anticipato l’epilogo in questo articolo “Il Trappolone” augurandoci che ci stavamo sbagliando.

Il testo dell’Eurogruppo sottoposto ai Capi di Stato e di governo é stato sottoscritto anche da Padoan e Sapir. Pare che le leggi sottoposte al parlamento vengano prima sottoposte al benestare della Troika per l’approvazione. Viva la democrazia. Quindi tutti, ma proprio tutti, pensano che la priorità massima di questa vicenda sia la totale umiliazione della Grecia e la sconfitta di Tsipras, che ha il solo torto di avere osato sfidare il potere costituito e i diktat sull’austerità.

Questi “terroristi” , così li ha definiti l’unico “uomo” che di tale appellativo si può fregiare, cioè Yanis Varoufakis, hanno confezionato un testo umiliante, punitivo e crudele. Definirli tali è minimizzare, la cattiveria di questa gente che supera quella dei terroristi, i quali con un attentato possono uccidere 10, 100, 200 o più vittime, questi invece con il potere del denaro sono in grado di annientare intere nazioni.

Ed ecco come è andata. Dopo 17 ore di negoziati, con Tsipras messo in mezzo e torturato psicologicamente come si fa con i prigionieri di guerra, finalmente i leader europei hanno piegato l’uomo ormai in ginocchio. Pare che all’alba Tsipras ormai allo stremo delle forze, si sia tolto la giacca e l’abbia lanciata sul tavolo delle trattative dicendo; “volete anche questa, prendetela”. Un gesto che fa capire bene il dramma che si è consumato.

La Germania ha mostrato il suo vero volto: quello nazista che non ha mai abbandonato. Nelle due guerre precedenti condotte con le armi, aveva perso e male. Oggi ci riprova con la forza dei soldi e badate bene, la Grecia e solo la prima pedina che cade, ci saranno poi la seconda, la terza e così via, ma l’obbiettivo finale è la Francia e questo Hollande lo sa bene.

Alla fine sono tutti complici. Da Hollande a Renzi, ma non sono i carnefici, sono anch’essi vittime. E sono i prossimi a cadere sotto i colpi dei nazisti tedeschi, gli unici carnefici. Perché i falsi amici sono peggio dei veri nemici.

Stanotte si è consumata la completa distruzione della sovranità nazionale e non della sola Grecia. Il voto del popolo greco non vale nulla, ne quello per il governo ne quello referendario sul programma di austerità. Ora Tsipras sarà costretto a dimettersi e si farà il governo di “unità nazionale” voluto dalla Troika con i partiti centristi che hanno perso le elezioni a legiferare. Lo avevamo previsto………………. si è avverato!

Visite: 95

Redazione

Pubblicato da Redazione

La Redazione di Fatti&Avvenimenti.