Salute & Benessere. Semaglutide: il farmaco che si è rivelato molto efficace per dimagrire rapidamente

Salute & Benessere. Semaglutide: il farmaco che si è rivelato molto efficace per dimagrire rapidamente

Nato negli Stati Uniti come cura contro il diabete, il farmaco si è dimostrato molto efficace nel favorire un rapido dimagrimento. In Italia è già stato approvato

 

Pensato per combattere il diabete negli Usa, la semaglutide si è trasformato in un trattamento per combattere l’obesità. Negli Stati Uniti dove il farmaco è stato studiato e prodotto per la prima volta, è molto utilizzato non solo dai diabetici ma dagli obesi e anche da chi non lo è, come prevenzione. Divenuto “famoso” grazie alle celebrità e agli influencer che hanno invaso di post le loro bacheche su Instagram, su Tik Tok e gli altri social, decantandone gli straordinari effetti dimagranti, oggi la Semaglutide, in alcune farmacie è diventato introvabile.

Ma a parte i commenti di celebrità e influencer che bisogna prendere con le pinze, a spiegare cos’è e gli effetti reali sull’obesità del farmaco è intervenuto il Prof. Marco Chianelli, coordinatore della Commissione Obesità e Metabolismo dell’Associazione Medici Endocrinologi.

Precisato che il composto è stato sviluppato e già utilizzato contro il diabete Chianelli spiega che “Semaglutide si somministra tramite un’iniezione a settimana, è un composto simile ad ormoni naturalmente presenti nel nostro organismo, detti glucagon like peptide 1 (GLP1). Il farmaco non solo regolarizza il metabolismo, ma interviene sulle principali cause dell’obesità: riduce la pulsione verso il cibo e aumenta il senso di sazietà determinando una riduzione dell’introito calorico”.

La semaglutide è commercializzata dalla Novo Nordisk, ma a consacrarla come trattamento anti-obesità è stato da uno studio del New England Journal of Medicine, che ha dimostrato la capacità del farmaco di determinare una riduzione fino al 20 per cento del peso corporeo di partenza. Inoltre pochi mesi fa, un nuovo studio pubblicato su Nature Medicine ha confermato l’efficacia di semaglutide anche sul lungo periodo. “Nello studio STEP5 – aggiunge Chianelli – i ricercatori hanno confermato l’efficacia di semaglutide nella riduzione del peso corporeo, che è quasi tripla rispetto a quella dei ‘vecchi’ farmaci per l’obesità, e ha dimostrato in un follow up di 2 anni che la sua efficacia è duratura nel tempo”. “Finché viene assunto, – continua l’endocrinologo – il farmaco mantiene la sua efficacia, non solo nella riduzione del peso corporeo, ma anche nel miglioramento di dislipidemia, ipertensione e glicemia, che aumentano il rischio cardiovascolare”.

In conseguenza di queste caratteristiche, la semaglutide è stata inserita anche nella la prima Linea Guida “Terapia del sovrappeso e dell’obesità resistenti al trattamento comportamentale nella popolazione adulta con comorbilità metaboliche”, recentemente pubblicata dall’Istituto superiore di sanità. Inoltre il farmaco è stato già approvato dall’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), ma al momento non è prevista la rimborsabilità da parte del Servizio sanitario nazionale, contrariamente a quello che accade per il diabete.

Infine Chianelli precisa che: “Qualcosa tuttavia, si muove nella direzione giusta: per la prima volta un Fondo Sanitario Integrativo Privato ha riconosciuto una parziale rimborsabilità fino a mille euro all’anno. Inoltre, c’è una domanda depositata l’anno scorso a marzo nella quale si chiede la rimborsabilità dei farmaci per l’obesità per i pazienti con obesità grave o complicata”.

Visite: 324

Redazione

Pubblicato da Redazione

La Redazione di Fatti&Avvenimenti.