È davvero l’Alieno di Roswell?

alienoL’annuncio era stato dato con molti mesi di anticipo, il giornalista tv Jaime Maussan l’aveva pubblicizzato come l’evento dell’anno ed in effetti come annunciato il 5 maggio lo spettacolo è andato in scena.
Migliaia di persone hanno assistito, sedute in platea o in diretta streaming, alla presentazione a Città del Messico del presunto E.T. di Roswell e dopo aver visto l’immagine ritenuta dagli organizzatori la prova inconfutabile dell’esistenza degli Alieni, tanti sono rimasti impressionati e qualcuno un po’ deluso.
Ma di cosa si trattava? Jaime Maussan aveva dichiarato che casualmente era venuto in possesso di alcune diapositive originali del cadavere dell’alieno dell’ UFO crash del ’47 a Roswell.
Sul maxi schermo, sono state mostrate le testimonianze di chi, a vario titolo, ha avuto un ruolo nella scoperta o nello studio di queste diapositive, rinvenute per caso, insieme a molte altre, nel 1998, in una casa di Sedona (Arizona) dopo la morte dei due proprietari, il geologo Bernard A. Ray, che si occupava di trivellazioni petrolifere, e la moglie Hilda, avvocato di spicco, che le avevano conservate in una scatola riposta in soffitta.

Entrambi amanti dei viaggi, negli anni ’40 e ’50 erano personalità molto conosciute con amici importanti come il presidente Eisenhower. Tra le varie pellicole Kodachrome ritrovate, due hanno subito attirato l’attenzione di Adam Dew, un ex giornalista che dopo essere entrato in possesso dei negativi, si è rivolto ai due studiosi più noti del caso Roswell, Don Schmitt e Tom Carey, che hanno lavorato a lungo sulle foto analizzandole per stabilirne l’ autenticità.
Anche un esperto della Kodak ha confermato che le diapositive risalgono ad un periodo compreso tra il 1947 e il 1949. Altri tecnici specializzati hanno garantito che sono originali, non artefatte, non rielaborate. Un ex militare, a Roswell presente all’epoca dello schianto, ha affermato che l’essere della  foto è molto simile a quello da lui stesso visto in quell’occasione in un hangar.

Un altro parere positivo è arrivato da un medico legale, il dottor Richard Doble, che all’epoca era in forza alla Regia Polizia a Cavallo canadese, che ha confermato di aver visto e anlizzato qualcosa di molto simile all’essere della foto. Alla vista di quella creatura immortalata nello scatto, alta circa un metro, con una testa sproporzionata, grandi occhi, arti sottili,  aveva dapprima pensato, che si trattasse di una persona deforme. Ma ad un esame più attento, ha notato dettagli non compatibili con un essere umano: solo 4 coppie di costole, ossa nelle mani e nei piedi molto strane e altre anomalie anatomiche che lo hanno portato alla conclusione che si trattava di un qualcosa di “diverso”.
Ovviamente nel mondo scientifico come al solito i pareri sono discordanti, alcuni dopo aver visto ed analizzato le prove hanno dato pareri favorevoli alle tesi del giornalista tv Jaime Maussan, altri per varie ragioni pareri negativi.

Noi, come qualunque lettore ci limitiamo ad analizzare i fatti e cercare di darci una risposta cercando di rimanere il più imparziali possibili, restando fedeli ognuno alle proprie convinzioni.

Precedente A distanza di trent’anni torna nelle sale Mad Max con il nuovo “Fury Road” Successivo Fare sesso spesso allunga la vita e previene le malattie