Dell’Utri malato di tumore resta in carcere: il reato “mafioso” lo rende anche “disumano”?

La notizia è che: il Tribunale di Roma ha negato a Dell’Utri, in buona sostanza, il diritto di farsi curare un tumore.

Il pretesto che però, potrà fare la spola sotto scorta tra la cella e la clinica per i trattamenti kemioterapici è un’odiosa beffa che si aggiunge al danno.

La realtà è ancora più spaventosa. Alla condanna per un reato che non esiste se non nelle costruzioni fantasiose della prepotenza giudiziaria si è aggiunta la “conseguenziale” pena accessoria, in realtà più grave e spietata della principale (7 anni di reclusione): la perdita dell’identità umana. Dell’Utri è un “nemico” nel senso dato alla parola dal linguaggio inquisitoriale cattolico. “Il nemico” è il Diavolo. I “nemici” sono i “colpevoli”, anzi, anche gli indiziati. Sono “parte del nemico” della diabolicità. Sono peccato e colpa. Non più uomini.

Il diavolo, la “colpevolezza”, la mafiosità non si perdonano perché non c’è più l’uomo da perdonare, ma solo il mafioso. La colpa, la mafia, la diabolicità non hanno tumori, non hanno umanità, né sono “decaduti”.

Gli Avvocati di Dell’Utri, che si sono battuti egregiamente perché gli fosse riconosciuto il diritto di uomo gravemente malato, hanno forse sbagliato argomenti. Hanno invocato la Costituzione, le Convenzioni Europee, i diritti umani. E la ragione.

Avrebbero dovuto prendere atto subito che nel caso, in nome della lotta antimafia, erano applicabili rescritti e diplomi della Inquisizione di Spagna. Il “maleus maleficarum”, gli insegnamenti dei Padri Domenicani su come infliggere la tortura.

Siamo tornati alla Santa Inquisizione.

di

Mauro Mellini

Cronaca, L'opinione, Prima pagina , , , , ,
Mauro Mellini

Informazioni su Mauro Mellini

Eletto deputato nel 1976, ha combattuto le più note battaglie radicali per poi allontanarsi dal partito alla fine degli anni ottanta in concomitanza con la scelta del Partito Radicale di trasformarsi in soggetto transnazionale e di non partecipare più a competizioni elettorali italiane. Successivamente ha ricoperto il ruolo di componente del Consiglio Superiore della Magistratura. Editorialista e saggista, è autore di numerosi scritti, in cui con vena polemica indaga sulle storture della legge. Il suo testo più noto è Così annulla la Sacra Rota (Samonà & Savelli), che contribuì fortemente all'approvazione della legge sul divorzio. Nel 2006 ha fondato insieme ad Alessio Di Carlo il periodico on line GiustiziaGiusta, dedicato ai temi della giustizia in chiave garantista. È stato ed è uno dei primi e più strenui difensori del garantismo, a partire dal celebre caso Enzo Tortora.

Precedente Maxi esercitazione Seul – Giappone – Usa al largo della Nord Corea: si riaccende la tensione nell’area Successivo Egitto nel Programma Opera Romana Pellegrinaggi 2018: mons. Chiaravini incontra il ministro del Turismo Yehia Rashed