Egitto nel Programma Opera Romana Pellegrinaggi 2018: mons. Chiaravini incontra il ministro del Turismo Yehia Rashed

L’Egitto entra nel Programma dell’Opera Romana Pellegrinaggi 2018. Delegazione guidata da monsignor Remo Chiaravini incontra al Cairo il ministro del Turismo Yehia Rashed.

“L’Egitto può entrare nella nostra programmazione perche’ e’ esempio di quel grande mondo mediorientale dal quale nasce il Cristianesimo. E’ di grande importanza perché permette di capire lo sfondo biblico – sottolinea mons. Chiavarini -. Gesù che da bambino arriva qui riassume la storia di Israele, che e’ intimamente legata all’Egitto. Non si potrebbe capire la Bibbia senza il sostrato babilonese ed egiziano”.

Il sopralluogo si svolgera’ in diversi giorni per visitare, tra l’altro, monasteri e incontrare anche rappresentanti di Al Azhar e della Chiesa copta.

Due i percorsi in programma: Il primo si sviluppa sulle mete dell’Egitto classico, toccando Assuan e la zona delle piramidi. Il secondo, invece, guarda ai luoghi che hanno accolto la Sacra Famiglia e a quelli del monachesimo, da Alessandria al Cairo.

Dal governo egiziano sono giunte rassicurazioni sul fronte della sicurezza. E cosi’ l’amministratore delegato dell’Orp sottolinea l’importanza di un’iniziativa che va “al di là di volumi e numeri” e “vuole essere strumento di legami”. “L’Egitto è la chiave di accesso al mondo arabo islamico col quale creare vie di comunicazione”.

Quindi dal prossimo anno l’Egitto tornera’ nel catalogo dell’Opera Romana Pellegrinaggi e ripartiranno i pellegrinaggi nei principali luoghi dell’itinerario della Sacra Famiglia nel Paese, dove si sarebbe rifugiata in fuga da Erode, come raccontato dal Vangelo di Matteo.

A conclusione dell’incontro al Cairo il ministro del Turismo egiziano, Yehia Rashed ha espresso viva soddisfazione e posto l’accento sull’importanza di questa visita “tappa importante per includere l’Egitto nel programma di pellegrinaggio del Vaticano per l’anno 2018”.

Attualità, Prima pagina ,
Giacomo Glaviano

Informazioni su Giacomo Glaviano

GIACOMO GLAVIANO nato a Sciacca (Agrigento) il 30.08.1940, giornalista dal 27.04.1978 - Presidente nazionale FIJET ITALIA . CORRISPONDENTE - COLLABORATORE di Quotidiani, Periodici, Agenzie Stampa nazionali e internazionali: On the road Milano, Quotidiano di Sicilia, Italia Turismo, L’Amico del Popolo, Controvoce, Sicilia in Tavola,Civiltà della Tavola, Panorama Travel, Siciliatravel, Sicilia Tempo, Immagine Sicilia, Touristica, Travelnostop, Il Corriere di Tunisi, Vue Touristique, Hebdo Touristique, Agi, Infotur, Italpress.

Precedente Dell'Utri malato di tumore resta in carcere: il reato "mafioso" lo rende anche "disumano"? Successivo Nasce Liberi e Uguali: Per la Sinistra è "Grasso che cola"