97 milioni al golf a Roma: Malagò esulta, ma al senato è guerra aperta, M5S, lega e minoranza DEM annunciano barricate

Ryder Cup 2022, ovvero il vergognoso sperpero di 97 milioni di euro, affidati a Malagò per fare divertire quattro ricconi.

Ieri c’è stato il via libera della commissione Finanze del Senato all’emendamento Turano sul credito sportivo e la garanzia fino a 97 milioni del governo per la Ryder Cup 2022. Tre senatori della minoranza Pd, Cecilia Guerra, Federico Fornaro e Lucrezia Ricchiuti, in dissenso con il proprio partito, non hanno partecipato al voto, ma l’emendamento è passato lo stesso.

Proteste e dissensi sono arrivati da tutte le opposizioni, ma anche dall’Unione nazionale consumatori e dalla società civile. È un provvedimento che definire vergognoso è essere buonisti, abbiamo raggiunto il primato di poveri assoluti, siamo a quota 4,6 milioni, per i quali il Fondo per la lotta alla povertà è stato incrementato nell’ultima Legge di Bilancio di soli 150 milioni, ma si destinano 97 milioni per l’organizzazione di un evento sportivo, riservato a pochi “eletti”. Una sproporzione indecente.

E si può andare oltre, il pensiero va immediatamente ai terremotati abbandonati a se stessi, o ai truffati di “Banca Etruria”, per cui il governo non ha trovato i soldi per chi ha perso tutto… ma la lista potrebbe continuare all’infinito.

Ma Malagò con tutto il baraccone del Coni, rigetta le accuse e contrattacca: “Non rispondiamo a queste polemiche. Detto questo, con tutto il rispetto, la Ryder Cup è stata assegnata oltre un anno fa: è una manifestazione i cui numeri portano valore aggiunto, redditi, ricavi importanti non solo al golf ma a tutto il sistema della citta’ di Roma grazie ai flussi di pubblico con un target molto alto. Basta vedere i confronti con le ultime edizioni. Non aggiungo altro”.

In effetti, dopo avere perso, i Giochi del 2024, almeno questo, le ingorde fauci di questi dilapidatori di fondi nazionali, dal governo li pretendevano.

Ieri sera la Camera dei Deputati, dove i numeri sono agevoli per il governo, ha approvato il provvedimento, che ora passa al Senato, per l’OK definitivo, dove però al contrario i numeri sono appesi ad un filo ed infatti le opposizioni, hanno preannunciato battaglia.

I più combattivi sono ovviamente Movimento 5 Stelle e Lega   a cui si aggiungono quelli della minoranza PD che non hanno partecipato al voto. Le speranze ora sono rivolte alla decisione del presidente del Senato Pietro Grasso, a cui è stato richiesto di dichiarare inammissibile l’emendamento. E il Movimento 5 stelle dichiara: “Come avevamo annunciato la marchetta al Coni e alla Ryder Cup era dietro l’angolo”.

Non ci resta quindi che attendere prima la decisione di Grasso e poi eventualmente i numeri del Senato, che, se davvero la minoranza del PD voterà contro, potrebbero azzoppare, quello che è considerato un “risarcimento” a Malagò per i mancati guadagni dei giochi del 2024.

AGGIORNAMENTO:

In tarda mattinata, il presidente del Senato Pietro Grasso, ha accolto le richieste dell’opposizione e ha  dichiarato inammissibile l’emendamento… Altra batosta per Malagò

Politica, Prima pagina ,
Debora Ranzetti

Informazioni su Debora Ranzetti

Debora Ranzetti, romana, avvocato ma blogger per passione. Non ha partiti ne tessere, amante delle battaglie impossibili, il cui motto è: “non mi piego, ma a spezzarmi non ci penso nemmeno”. Scrive quello che pensa, senza filtri, ma sempre nel rispetto delle regole. Animalista, ambientalista, inquieta e sempre di corsa, ma pronta a fermarsi se qualcuno è in difficoltà.

Precedente Parigi. Attacco Terroristico al Carrousel du Louvre Successivo Francia. Scatta operazione antiterrorismo a Montpellier: 4 giovani arrestati

2 commenti su “97 milioni al golf a Roma: Malagò esulta, ma al senato è guerra aperta, M5S, lega e minoranza DEM annunciano barricate

  1. adriano santato il said:

    VITTORIA!

    Grazie alla straordinaria opposizione del #M5S il presidente del Senato ha dichiarato inammissibile l’emendamento del #PD che regalava 97 milioni alla #RyderCup di golf. Col Paese che muore, dopo i 20 miliardi alle banche, quest’ennesimo oltraggio era davvero troppo

    • Debora RanzettiDebora Ranzetti il said:

      SI è vero, ho provveduto a mettere l’aggiornamento in fondo all’articolo. Davvero una grande vittoria.

I commenti sono chiusi.