Turchia, la “dittatura è iniziata: arrestato il direttore è chiuso il giornale Nokta

Turchia, la “dittatura è iniziata: arrestato il direttore è chiuso il giornale Nokta

ErdoganChe il presidente turco Recep Tayyip Erdogan non ami la democrazia, lo sapevamo già. Che la vittoria di domenica sarebbe stata l’inizio di una “dittatura” l’avevamo sospettato e in questo articolo di domenica sera, immediatamente dopo la consacrazione della sua vittoria, ne avevamo ampiamente e dettagliatamente parlato e anticipato le conseguenze.

È di stamattina infatti la notizia che un tribunale di Istanbul ha ordinato il sequestro della rivista Nokta e l’arresto del direttore e del caporedattore centrale. L’accusa è di “istigazione a delinquere” scaturita dalla pubblicazione di una copertina con una foto del presidente Erdogan con il titolo: “Lunedì 2 novembre: l’inizio della guerra civile turca”.

Onestamente con tutto quello che i giornali in Italia e in tutte le democrazie occidentali pubblicano giornalmente, questo titolo, da noi sarebbe stato “acqua di rose”. Arrestare i responsabili e fare chiudere una testata per così poco, ci anticipa ciò che questo “individuo” cioè colui che finanzia i miliziani nella guerra in Siria e che da del dittatore al suo presidente Assad, farà nei mesi a seguire.

Ci auguriamo che un individuo simile, sia messo ai margini dalle diplomazie europee e che alla Turchia non sia consentito l’ingresso nella comunità europea, almeno finché questo signore ne sarà il presidente.

Visite: 104

Debora Ranzetti

Pubblicato da Debora Ranzetti

Debora Ranzetti, romana, avvocato ma blogger per passione. Non ha partiti ne tessere, amante delle battaglie impossibili, il cui motto è: “non mi piego, ma a spezzarmi non ci penso nemmeno”. Scrive quello che pensa, senza filtri, ma sempre nel rispetto delle regole. Animalista, ambientalista, inquieta e sempre di corsa, ma pronta a fermarsi se qualcuno è in difficoltà.