Tsipras taglia le pensioni da 486 a 392 euro e con valore retroattivo a partire dal 1 gennaio di quest’anno

Tsipras taglia le pensioni da 486 a 392  euro e con valore retroattivo a partire dal 1 gennaio di quest’anno

pensionato_greciaVe la ricordate questa foto? Giornali, Tv e testate di ogni genere la postarono senza interruzione a imperitura memoria del governo greco che non voleva accettare i “diktat ” della Troika sulle riforme.

Le banche chiuse mostrate con file inesistenti a monito di ciò che il popolo avrebbe dovuto patire se continuava con il dissenso.

Ebbene , ora che Tsipras si è messo a 90 gradi con la Merkel ed ha accettato le condizioni, ci chiediamo: dov’è finito questo pensionato? Si lamentava perché non riusciva a prelevare il contante, ed ora che Tsipras ha tagliato le pensioni, quindi anche la sua, che fa?.

Finalmente per la gioia della Lagarde & C. in Grecia saranno ritoccate le pensioni minime, passeranno da 486 a 392 euro per giunta con valore retroattivo a partire dal 1 gennaio di quest’anno, per cui i pensionati dovranno restituire il maltolto di questi 8 mesi in cui hanno potuto scialacquare e darsi alla pazza gioia. Questo, ovviamente in aggiunta alla “SVENDITA” dei più remunerativi aereoporti di cui abbiamo parlato ieri in questo articolo.

Lo ribadiamo finché ne avremo la forza: Tsipras ha venduto il suo popolo.

Visite: 136

Redazione

Pubblicato da Redazione

La Redazione di Fatti&Avvenimenti.