Spaghetti alla carbonata – La ricetta della Chef “Zia Pina”

  •  
  •  
  •  
  •  

Dal 2017, il 6 aprile di ogni anno, ricorre il #CarbonaraDay, festa dedicata al piatto di pasta che quasi tutti associano a Roma e alle sue osterie, ma è davvero così?


Pare proprio di no, il cinema italiano già negli Anni ’40 la divulgò, ma sembra che la prima ricetta sarebbe stata realizzata nientemeno che a Chicago e gli americani ne pretendono la paternità, un po come la diatriba sulle origini della pizza.

Le “liti” comunque sorgono sugli ingredienti, che oggi per i “puristi” sono guanciale e pecorino, ma a quanto risulta da alcune ricette che risalgono all’inizio degli anni ‘50, erano invece inderogabilmente pancetta e parmigiano. Chi ha ragione? Difficile dare un risposta definitiva su quello che forse è il piatto più noto della tradizione culinaria italiana.

La ricetta che vi proponiamo è stata realizzata dalla nostra Chef “Zia Pina” che ha usato proprio pancetta e parmigiano… provatela!

La preparazione non è complicata e richiede poco tempo. Difficoltà media.

Ingredienti per 4 persone:

300 gr di spaghettoni
sale q.b.

Ingredienti per il condimento:

200 gr. di pancetta affumicata
2 uova
100 gr di parmigiano grattugiato
olio extravergine di oliva (potete sostituirlo con il burro)
sale q.b.
Pepe nero q.b.

 

PREPARAZIONE

  1. Tagliate la pancetta a dadini, mettetela in una padella con l’olio di oliva o il burro e friggetela finché non diverrà croccante;
  2. in una ciotola a parte sbattete le due uova intere e aggiungete un po di sale un po di pepe nero;
  3. in una pentola abbastanza grande, mettete almeno 3 litri di acqua, portate ad ebollizione e metteteci dentro gli spaghetti – rigorosamente interi – lasciate cuocere il tempo indicato in busta, di solito 6-7 minuti e scolateli ancora al dente;
  4. a fuoco bassissimo, nella stessa pentola di cottura, ma senza l’acqua, versateci la pancetta, poi la pasta e mescolate, poi aggiungete le uova sbattute e mentre girate versate il parmigiano grattugiato, quindi fate amalgamare tutti gli ingredienti;
  5. finito, non vi resta che fare le quattro porzioni.

Come al solito… Buon appetito!


  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Corpo & Mente. Il ” Core": l’ombelico del mondo, la sfera sul campo da calcio … tutto parte dal centro! Successivo Salute & Benessere. Il finto malato: la sindrome di Munchhausen