Sfincione palermitano – Ricetta siciliana

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lo sfincione palermitano è una variante della pizza napoletana, più spessa, molto soffice e condita con sugo di cipolle, acciughe e caciocavallo… una vera bontà!

Lo sfincione, fa parte dell’affollata categoria del cibo di strada siciliano per eccellenza ed è inserito nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (PAT), lo sfincione per i palermitani e non solo, fa parte della tradizione e di fatto è un pezzo di storia dell’isola.

La preparazione non è complicata, ma richiede molto tempo e un po di attenzione, tutti i passaggi spiegati nella ricetta devono essere eseguiti millimetricamente, pena uno sfincione duro e sgonfio.

 

Ingredienti per la pasta:

500 gr di farina 00
500 gr di farina di grano duro
20 gr di zucchero
30 gr di lievito di birra
50 ml di olio extravergine di oliva
20 gr di sale
500 ml di acqua (ma dipende dalla farina)

Ingredienti per il condimento:

1 lattina da 800 gr di pomodori pelati
3 grosse cipolle rosse
1 barattolini da 80 gr di filetti di acciughe
300 gr di caciocavallo semi-stagionato
100 gr di formaggio pecorino stagionato grattugiato
100 gr di formaggio pecorino “primo sale”
pangrattato per la rifinitura q.b.
Origano q.b.
sale q.b.
pepe q.b.
olio extravergine di oliva q.b.

PREPARAZIONE

Preparate l’impasto

  1. Setacciate le due farine e mettetele dentro una grossa ciotola con il sale, quindi mescolate con l’olio;
  2. sciogliete in una tazza il lievito di birra in acqua rigorosamente tiepida
  3. fate un buco al centro della farina ed aggiungete il lievito di birra con lo zucchero ed iniziate ad impastare aggiungendo un po di acqua per volta fino ad ottenete un impasto morbido;
  4. lasciate riposare l’impasto coperto da un canovaccio per almeno 3 ore, ma la lievitazione dipende dalla temperatura dell’ambiente che deve essere caldo;

Preparate il condimento

  1. Tagliate le cipolle a fettine sottili e mettetele a cuocere in un tegame con un po di olio di oliva e un paio di filetti di acciughe, coprite con un coperchio e girate di tanto in tanto;
  2. quando le cipolle saranno appassite ovvero morbide e le acciughe sciolte, unite il pomodoro pelato frullato con il mixer;
  3. continuate a cuocere aggiustando di sale e pepe, fino a quando la salsa non risulterà densa;

Preparate le teglie

  1. ungete la teglia di olio di oliva e stendete la pasta dopo la lievitazione (se la teglia non ha l’antiaderente, potete mettere anche della carta forno) e fate lievitare ancora per circa un’ora;
  2. dopo la lievitazione, iniziate a condire, posizionate quindi i filetti di alici spezzettati e poi il caciocavallo e il pecorino primo sale, tagliati a tocchetti;
  3. siete pronti a stendere la salsa di pomodoro che avevate preparato:
  4. infine spolverate con il seguente ordine: il pecorino grattugiato, poi l’origano e infine il pangrattato mescolato con un po di olio, per evitare che in cottura si bruci;
  5. finalmente potete infornare nel forno preriscaldato a 220 gradi per circa 20 minuti.

E come al solito… Buon appetito!


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Mente sana in pancia sana: la cura del microbiota intestinale è la soluzione per vivere al meglio le emozioni Successivo Salute & Benessere. Le “Onde d’urto” nel trattamento di molte patologie ortopediche