Salute & Benessere. Tumore al colon: mangiare noci riduce le recidive

Salute & Benessere. Rubrica fissa su temi di interesse medico a cura del Dott. Accursio Miraglia

Tumore al colon: mangiare noci riduce le recidive

I pazienti curati per un tumore del colon dovrebbero aggiungere alla dieta quotidiana le noci, il cui consumo regolare dimezza sia il rischio di andare incontro a una recidiva che quello di morte. Va bene praticamente qualunque tipo di noce: noci, appunto, ma anche mandorle, nocciole, noci macadamia e pecan, pistacchi, anacardi e miscele. Non sono utili, invece, le arachidi e i prodotti derivati come il burro, che non sembrano esercitare lo stesso effetto preventivo, forse perché sono legumi, e in quanto tali seguono vie metaboliche diverse.

Le noci, è noto da tempo, proteggono dall’obesità, dalla resistenza all’insulina, dal diabete di tipo 2 e dalle malattie cardiovascolari. Adesso i ricercatori del Dana Farber Cancer Center di Boston hanno voluto verificare se potessero avere o meno un ruolo protettivo anche nei confronti dei tumori.

È stato così verificata l’esistenza di un nesso tra consumo e andamento della malattia in un campione di oltre 800 malati, tutti operati o sottoposti a una cura farmacologica per un carcinoma del colon in stadio III, a rischio di recidiva.

È stato così scoperto – i dati dettagliati saranno presentati all’imminente congresso dell’American Society for Clinical Oncology, in programma dal 2 giugno a Chicago – che a un consumo medio di due once settimanali, pari a circa 56 grammi (una noce sgusciata intera ne pesa circa 5) corrisponde una diminuzione del rischio di recidive del 42% e di morte del 57% rispetto a chi non mangia noci; se poi si guardano i dati relativi alle sole noci provenienti da alberi – cioè si escludono le noccioline – i valori sulle recidive salgono ulteriormente: 46% in meno, mentre quello sulla mortalità scende, ma di poco: meno 53%.

L’effetto resta evidente anche dopo aver inserito una serie di elementi correttivi, e sembra dunque legato davvero alle noci e simili, soprattutto se provenienti da alberi. I prossimi passi del gruppo di ricercatori saranno cercare di capire con quale meccanismo si esplichi l’azione protettiva, se vi siano effetti diversi nei differenti stadi di malattia e, soprattutto, condurre uno studio randomizzato con l’inserimento dei quantitativi e dei tipi di noci da preferire.

Salute & Benessere
Accursio Miraglia

Informazioni su Accursio Miraglia

Accursio Miraglia, nato a Sciacca il 27-12-68
Nel 1994 Laurea con Lode in Medicina e Chirurgia, Università Cattolica del Sacro Cuore (Roma – Policlinico Gemelli)
Nel 1998 Specializzazione con Lode in Medicina Fisica e Riabilitativa (Fisiatria), Università di Tor Vergata (Roma)
Dal 1998 al 2006 partecipa a numerosi corsi di aggiornamento organizzati dall’Accademi Italiana di Medicina Manuale
Dal 1998 al 1999 Assistente medico, responsabile area riabilitativa Casa di cura “Villa Fulvia”, Roma
Dal 1999 ad oggi Direttore Sanitario del Centro di Educazione Psicomotoria s.r.l, centro di fisioterapia accreditato presso il SSN
Dal 2009 è consulente tecnico d’ufficio presso il Tribunale di Sciacca e gli uffici del Giudice di pace di Sciacca, Menfi e Ribera.
Dall’anno accademico 2014-2015, professore a contratto presso la Scuola di Specializzazione in Medicina Fisica e Riabilitativa dell’Università di Roma “Tor Vergata”.
Dal 2015 ricopre il ruolo di docente presso il “Corso-Teorico pratico di Medicina Manuale” organizzato dalla SIMFER (Società Italiana di medicina Fisica e Riabilitativa) con la collaborazione Società Italiana di Medicina Vertebrale (MEDVERT) e le Università “la Sapienza” e Tor Vergata” di Roma.

Precedente Tragedia ad alta quota: Il mistero del volo Egyptair Ms804 Successivo Il Tedeschellum-Bordellum e la Waterloo di Renzi sulla legge elettorale