Salute & Benessere. Tatuaggio all’henné: rischi per la salute

Rappresentano un compromesso tra la voglia di esibire un tatuaggio alla moda e la certezza che non rimarranno impressi sulla pelle in maniera indelebile: i tatuaggi all’hennè sono sempre più richiesti da adulti, giovani e bambini.

Riguardo a questi ultimi, in particolare, i genitori sembrano più propensi a lasciare che i figli “impressionino” la loro pelle utilizzano i tatuaggi all’hennè perché, oltre ad essere temporanei, sono ritenuti assolutamente innocui.

In realtà il rischio per la salute esiste. E non è neanche banale.

Ma com’è possibile che un colore steso sulla pelle con un pennello, e non infiltrato nella cute con gli aghi, come accade nei “veri” tatuaggi, faccia male?

La pericolosità riguarda non l’henné in quanto tale, ma un additivo chimico che viene aggiunto a questo prodotto. Si chiama para-fenilendiammina (PPD) ed è una sostanza normalmente aggiunta all’henné per darle un colore più scuro e duraturo.

Un’équipe della Clinica Pediatrica dell’Università degli Studi di Perugia, diretta dalla Prof.ssa Susanna Esposito (che a 45 anni è uno dei Professori Ordinari più giovani d’Italia) ha investigato e studiato gli effetti provocati dall’additivo chimico sulla salute, pubblicando i risultati sulla rivista International Journal of Environmental Research and Public Health.

Lo studio ha dimostrato, afferma la Prof.ssa Esposito, “che la para-fenilendiammina (PPD) per le sue caratteristiche molecolari può indurre sensibilizzazione cutanea con varie manifestazioni cliniche alle ri-esposizioni, tra cui la più comune è la dermatite allergica da contatto. Nelle persone allergiche al composto, in particolare, il tatuaggio temporaneo può scatenare reazioni violente con gonfiore e rossore, mentre in chi ha una pelle molto sensibile e delicata può dare origine a una dermatite irritativa più lieve, ma altrettanto fastidiosa”.

L’attenzione e la preoccupazione sono rivolte soprattutto a bambini e adolescenti, i più a rischio, perché la moda del tatuaggio “a tempo” è in quell’intervallo d’età che ha preso più piede. “Abbiamo osservato – illustra la Prof.ssa Esposito – che in molti casi le manifestazioni cutanee si presentano già a partire dalla prima applicazione, sebbene spesso i sintomi si manifestino soltanto in seguito alla seconda. Nei casi in cui le reazioni sono più gravi, la terapia consiste nell’assunzione del cortisone per via sistemica per alcune settimane”.

Lo studio mette in evidenza la necessità di terapie anche di lunga durata, dal momento che è stata riscontrata nella maggior parte dei casi una presenza persistente di discromia cutanea e di lesioni, anche a 7 giorni dall’inizio della terapia con cortisone e antistaminici e fino a 4 settimane dopo la fine della terapia.

Dato l’uso diffuso di questa sostanza, meglio essere cauti, considerando che sono molti i giovani che acquistano kit venduti on line, anche privi di qualsiasi garanzia, oppure si affidano a tatuatori improvvisati sulle spiagge che possono usare materiali scadenti e potenzialmente rischiosi.

Salute & Benessere è una rubrica medica a cura del dott. Accursio Miraglia.

Prima pagina, Salute & Benessere , ,
Accursio Miraglia

Informazioni su Accursio Miraglia

Accursio Miraglia, nato a Sciacca il 27-12-68 Nel 1994 Laurea con Lode in Medicina e Chirurgia, Università Cattolica del Sacro Cuore (Roma – Policlinico Gemelli) Nel 1998 Specializzazione con Lode in Medicina Fisica e Riabilitativa (Fisiatria), Università di Tor Vergata (Roma) Dal 1998 al 2006 partecipa a numerosi corsi di aggiornamento organizzati dall’Accademi Italiana di Medicina Manuale Dal 1998 al 1999 Assistente medico, responsabile area riabilitativa Casa di cura "Villa Fulvia", Roma Dal 1999 ad oggi Direttore Sanitario del Centro di Educazione Psicomotoria s.r.l, centro di fisioterapia accreditato presso il SSN Dal 2009 è consulente tecnico d'ufficio presso il Tribunale di Sciacca e gli uffici del Giudice di pace di Sciacca, Menfi e Ribera. Dall’anno accademico 2014-2015, professore a contratto presso la Scuola di Specializzazione in Medicina Fisica e Riabilitativa dell’Università di Roma “Tor Vergata”. Dal 2015 ricopre il ruolo di docente presso il “Corso-Teorico pratico di Medicina Manuale” organizzato dalla SIMFER (Società Italiana di medicina Fisica e Riabilitativa) con la collaborazione Società Italiana di Medicina Vertebrale (MEDVERT) e le Università “la Sapienza” e Tor Vergata” di Roma.

Precedente Arrestato il principe miliardario Saudita, Alwaleed bin Talal, uno degli uomini più ricchi e influenti del mondo Successivo Puigdemont rinviato a giudizio in Belgio tuona: Spagna fascista. Rajoy: inaugurare nuova era catalana