Crea sito

Linguine alla Florio con bottarga e muddica atturrata – Ricetta siciliana

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le linguine alla Florio sono un primo piatto saporito che utilizza ingredienti tipici della cucina siciliana


Piatto ideato dallo chef Giovanni Lorenzo Montemaggiore, che con il nome “Florio” ha voluto ricordare la famosa tonnara di Marsala, dove si produceva la bottarga di tonno, di fatto il caviale di Sicilia, che è l’ingrediente principale di questa ricetta.

La preparazione non è complicata, richiede poco tempo: Difficoltà media.

Ingredienti per 10 persone:

1 Kg di linguine
3 Zucchine verdi medie
200 gr di Bottarga di tonno
200 gr di mollica fresca
200 gr di mollica secca
100 gr di caciocavallo stagionato
4/5 spicchi di aglio rosa
1 mazzetto di prezzemolo (tritato)
1 cucchiaino di curcuma
Olio extravergine di oliva q.b.,
Pepe nero q,b.

PREPARAZIONE

 

  1. Pulite le zucchine e lavatele, poi tagliatele a julienne  (tipo fiammifero);
  2. in un tegame mettete  qualche spicchio d’aglio, l’olio e lasciate riscaldare, quindi aggiungete le  zucchine, coprite e lasciate cuocere a fiamma bassa per una decina di minuti nella loro stessa acqua che rilasciano;
  3. quando pronte aggiungete una bella grattugiata di bottarga di tonno e lasciate insaporire (facoltativamente, bagnare con un po di vino), infine aggiungete un pizzico di curcuma e il pepe nero;
  4. ora preparate la “muddica atturrata”. In un padella mettete una parte di pangrattato fresco ed una parte di quello secco, una cucchiaiata di caciocavallo, uno spicchio d’aglio intero un po di olio e.v.o., fate rosolare a fiamma bassissima girando continuamente, quando la mollica avrà raggiunto un colore oro-bronzo uniformemente, spegnete il fuoco e togliete dalla padella;
  5. in una la pentola grande cuocete le linguine e quando saranno a metà cottura riaccendete il tegame con le zucchine e versateci la pasta molto al dente senza scolarla, ma prendendola con un forchettone;
  6. finite di cuocere mantecando di tanto in tanto e quasi a fine cottura aggiungete un altra buona grattugiata di bottarga e qualche goccia di olio (se la pasta fosse troppo asciutta, aggiungere un po di acqua di cottura). 
    Finito! Non vi resta che portare in tavola servendo con la muddica atturrata posizionata sotto e spolverate con il prezzemolo tritato, come in foto.

E come al solito… Buon appetito!


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Pubblicato da Giovanni Lorenzo Montemaggiore

Chef Giovanni Lorenzo Montemaggiore nato a palermo nel 1954, da sempre attivo per la valorizzazione e la divulgazione del prodotto,dell'immagine e del made in "sicily". Dal 1976 ha gestito le cucine del grand'hotel delle terme di sciacca e dal 1979 ha Insegnato nell'istituto alberghiero di sciacca. Fondatore dell'associazione cuochi agrigento: nel 1978 vice-presidente dell'associazione cuochi di agrigento (federazione italiana cuochi) e Presidente della delegazione di sciacca. Infine, vice-presidente provinciale. Presidente e fondatore, nel 1996, dell'associazione enogastronomica "isola Ferdinandea" di sciacca. Consigliere regionale "unione cuochi" regione sicilia. Ex consigliere nazionale della federcuochi. Commandeurs dei cordons bleu de france. Commandeurs della chaine des rótisseurs (confraternita mondiale della Gastronomia) e bailly regionale sicilia ovest 2001. Nastro verde d' europa. Nastro arancio terrasini. Nastro umbria verde. Presidente delegato regionale dei "disciple d'auguste escoffier". Membro della F.I.J.E.T. (federazione internazionale di giornalisti e scrittori di Turismo). Membro di Ristoworld. Membro dei cavalieri di malta della cucina.