Il sindaco di Gela Messinese è stato espulso dal M5S

Il sindaco di Gela Messinese è stato espulso dal M5S

Con un comunicato che era già nell’aria da parecchio tempo, la direzione regionale del Movimento cinque Stelle, ha ratificato l’espulsione del neo sindaco di Gela Domenico Messinese.

messinese-cancelleriLe motivazioni appaiono forti sotto il profilo politico. Eletto con una battaglia all’ultimo voto nelle terra che fu – ed ora forse ritorna ad essere – di Crocetta e tutta la lobby e gli intrecci di interessi che gli stanno  dietro, Messinese avrebbe dovuto smantellare gli interessi sulla raffineria gelese. E proprio queste sono le motivazioni principali della sua espulsione.

Nel comunicato si legge: “Il sindaco di Gela, Domenico Messinese, è venuto meno agli obblighi assunti con l’accettazione della candidatura e si è dimostrato totalmente fuori asse rispetto ai principi di comportamento degli eletti nel Movimento 5 Stelle e anche alle politiche ambientali energetiche e occupazionali più accreditate in ambito europeo. Pertanto si pone fuori dal Movimento, di cui, da oggi, non fa più parte.”

Poi c’è il solito taglio della stipendio: “Messinese non ha provveduto al taglio del proprio stipendio, nonostante il consiglio comunale di Gela abbia votato anche un atto d’impegno in questo senso, col fine ulteriore di generare un effetto domino normativo che avrebbe portato automaticamente alla riduzione delle indennità degli assessori e dei consiglieri.”

Il comunicato sottolinea ancora altri aspetti di carattere politico, ma il “succo” è chiaro a tutti: Messinese si è venduto ai potenti. La cosa che secondo noi, moralmente ha più significato, è il tradimento che il sindaco ha fatto verso i suoi concittadini. I Gelesi si erano ribellati ed avevano riposto la loro fiducia e la speranza del loro futuro in un manipolo di giovani, credendo nel cambiamento e nel riscatto sociale ed economico della città. Vista così e non potrebbe essere vista diversamente, Messinese è un “TRUFFATORE”, al pari di un delinquente di strada che ti “vende per oro una collanina di ottone”, ha preso i voti della gente onesta e li messi nella mani delle lobby.

Questo è… i vecchi poteri esultano, hanno dimostrato che il voto non conta nulla!

Visite: 192

Debora Ranzetti

Pubblicato da Debora Ranzetti

Debora Ranzetti, romana, avvocato ma blogger per passione. Non ha partiti ne tessere, amante delle battaglie impossibili, il cui motto è: “non mi piego, ma a spezzarmi non ci penso nemmeno”. Scrive quello che pensa, senza filtri, ma sempre nel rispetto delle regole. Animalista, ambientalista, inquieta e sempre di corsa, ma pronta a fermarsi se qualcuno è in difficoltà.

3 Risposte a “Il sindaco di Gela Messinese è stato espulso dal M5S”

  1. Le mele marce bisogna buttarli fuori dal cesto il prima possibile . Un controllo più attento nella scelta degli eletti . ATTENTI AGLI INFILTRATI

  2. e prima di candidarlo e votarlo non si sapeva che era un farabutto? o semplicemente è uno che non voleva prendere ordini?

I commenti sono chiusi.