I Russi lanciano 26 missili tipo cruise contro l’ISIS dal mar Caspio.

I Russi lanciano 26 missili tipo cruise contro l’ISIS dal mar Caspio.

russia-cruiseIl ministero della difesa russo ha confermato ufficialmente che 26 missili tipo cruise – cruise vuol dire missile da crociera – sono stati lanciati contro l’ISIS da navi russe posizionate nel Mar Caspio.

Non esiste nessuna motivazione militare o strategica per lanciare missili da crociera a media gittata dal Caspio fino sulle postazioni dell’ISIS in Siria. I bombardamenti con gli aerei Sukhoi “i Su-34”, sono più che sufficienti per centrare l’obbiettivo, come peraltro hanno già dimostrato in questi giorni.

Quindi qual’è la vera motivazione di questa operazione? Probabilmente le dichiarazioni rilasciate dal segretario della Nato Stoltenberg e dallo stesso Obama con minacce neanche velate alla Russia, hanno sortito l’effetto contrario.

Putin, come al solito è stato chiaro ed ha voluto dare un avvertimento a chi quei missili non li ha neanche visti arrivare, che tradotto in parole fa pressapoco così: “Possiamo colpire le vostre basi dove, quando e come vogliamo e da un posto dove per voi è praticamente impossibile arrivare e questo senza che ve ne accorgiate nemmeno”.

Ecco il video:

L’avvertimento ovviamente è rivolto anche alla Turchia di Erdogan e a quanti si sono dichiarati pronti a invadere la Siria: Sauditi, Qatarioti, Emirato del Bahrein e Kuwait, come pure alle basi statunitensi ubicate in quei siti.

Ma la strategia Russia pare non fermarsi. Da più fonti, si dice certa la presenza in Siria della squadra di elité delle forze armate Russe: gli “Specnaz”. Putin ha quindi inviato alcuni battaglioni specnaz in vista dell’imminente controffensiva terrestre che, come riportato da più voci, sarà condotta dagli iraniani supportati da Hezbollah e dagli sciiti provenienti dall’Iraq e dall’Afghanistan.

Anche qui Putin è stato chiaro: “spazzate via i nemici con qualsiasi mezzo”. Gli specnaz agiranno in missioni hunter killer e targeting leader e coordineranno sul terreno i raid russi, ed ecco spiegata la precisione delle incursioni sugli obbiettivi avvenuti nelle ultime settimane. Gli specnaz agiscono dalla base di Hmeymim, in supporto della 7th Guards Airborne Division.

Inoltre agli specnaz sono stati dati in dotazione i nuovi elicotteri da combattimento Ka-52 Alligator, variante biposto del Ka-50, ha debuttato all’Air Show di Parigi il 17 giugno dello scorso anno. Il Ka-52 Alligator è stato costruito utilizzando tecnologie d’avanguardia, con un’avionica ed un carico bellico di ultima generazione. Il largo uso di materiali compositi, garantisce nel contempo un elevato livello di sicurezza del volo.

ka-52

Il Ka-52 Alligator è un elicottero da combattimento ognitempo, con una caratteristica unica nel suo genere: è stato progettato per supportare esclusivamente le operazioni degli specnaz e dei servizi segreti russi (GRU).

Ne vedremo delle belle… To be continued.

Visite: 212

Redazione

Pubblicato da Redazione

La Redazione di Fatti&Avvenimenti.