I dissidenti di Syriza pronti a formare un nuovo partito “Unità popolare” guidato dall’ex ministro dell’energia Lafazanis

I dissidenti di Syriza pronti a formare un nuovo partito  “Unità popolare” guidato dall’ex ministro dell’energia Lafazanis

LafazanisIeri sera Tsipras ha ufficializzato le sue dimissioni, resta solo da comunicare la data delle elezioni, ma si presume sia presto, molto presto: il 20 di settembre. Nel governo uscente c’è premura, bisogna fare in fretta, non tanto per la gestione politica della crisi, ormai il danno è fatto, il nefasto ( per il popolo greco) accordo con i creditori è stato firmato, ma solo per non dare tempo ad una eventuale opposizione di sinistra di organizzarsi. Quindi prima si vota, minore sarà il tempo concesso agli avversari di formarsi, organizzarsi e potere preparare una campagna elettorale.

Nonostante il poco tempo a disposizione l’ala radicale di Syriza sarebbe pronta a fondare un nuovo partito, si chiamerà “Unità popolare (Leiki Anotita) ed al momento conta almeno 25 parlamentari. La notizia è riportata dal quotidiano greco Ta Nea. Il leader di questa coalizione, come previsto, sarà l’ex ministro dell’energia Panagiotis Lafazanis, uno tra i più accaniti avversari dell’accordo con la Troika. La nuova formazione, starebbe contattando adepti, cercando di organizzarsi in fretta per la brevissima campagna elettorale che si prospetta a questo punto difficilissima.

Al momento in questa nuova formazione non figura l’ex ministro delle finanze greco Yanis Varoufakis, ne la presidente del Parlamento Zoe Kostantopulou. Essendo i due, i veri protagonisti dello scontro con il premier, potrebbe trattarsi di una mossa per preparare un entrata “scenografica” ad effetto.

Visite: 159

Redazione

Pubblicato da Redazione

La Redazione di Fatti&Avvenimenti.