Denis Verdini condannato a nove anni per il Crac del Credito cooperativo

E arrivò il giorno di Denis Verdini, il senatore di Ala, nonché referente privilegiato di Renzi, è stato condannato a nove anni di carcere per il crac dell’ex Credito cooperativo fiorentino, la banca di cui è stato presidente dal 1990 al 2010.

E alla fine gli è andata pure bene, la pubblica accusa infatti, aveva chiesto una pena a 11 anni. C’è voluta una intera settimana di camera di consiglio del collegio del tribunale di Firenze presieduto dal giudice Mario Profeta per arrivare a questa sentenza.

Oltre a verdini sono stati condannati a cinque anni e sei mesi anche i costruttori di Prato, Riccardo Fusi e Roberto Bartolomei. Per tutti è arrivata anche, la pena più temuta, almeno per Verdini, cioè l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Per il deputato di Ala Massimo Parisi invece, una condanna a due anni e sei mesi .

Dicevamo che gli è andata bene, infatti, per quella che poteva essere davvero un macigno, cioè l’accusa di associazione a delinquere, Verdini è stato assolto. La condanna è arrivata, per bancarotta e truffa ai danni dello Stato per i fondi dell’editoria andati alla Società toscana edizioni, che pubblicava il Giornale della Toscana. Al momento della lettura della sentenza, Verdini non era presente in aula, sono stati i suoi avvocati a dargli la “lieta” notizia per telefono.

Per Renzi, dopo la batosta dell’arresto dell’imprenditore napoletano Romeo, e le indagini su suo padre e il suo fido “destriero” Luca Lotti, la condanna del suo amico Verdini, rappresenta un altro mattoncino del suo castello,che si stacca.

Politica, Prima pagina ,
Debora Ranzetti

Informazioni su Debora Ranzetti

Debora Ranzetti, romana, avvocato ma blogger per passione. Non ha partiti ne tessere, amante delle battaglie impossibili, il cui motto è: “non mi piego, ma a spezzarmi non ci penso nemmeno”. Scrive quello che pensa, senza filtri, ma sempre nel rispetto delle regole. Animalista, ambientalista, inquieta e sempre di corsa, ma pronta a fermarsi se qualcuno è in difficoltà.

Precedente Mentre nel PD si scannano, il popolo continua a non poter eleggere i deputati: basta Successivo Presidenziali francesi: Tutti in ordine sparso per la gioia della Le Pen