Chiacchiere di Carnevale

Le Chiacchiere di Carnevale, sono golose sfoglie fritte spolverate di zucchero a velo. Sono il dolce tipico della festa del Carnevale, ma vanno bene per tutte le occasioni, anche grazie alla semplicità di realizzazione.

Come ogni ricetta tradizionale, ne esistono diverse varianti che si differenziano solo in piccoli particolari, come gli aromi e sopratutto nel modo di stendere la sfoglia. Infatti alcuni amano le chiacchiere molto sottili, altri più corpose, ma in ogni caso le Chiacchiere a regola d’arte devono avere le bolle!

Le bolle in superficie sono il frutto di un’attenta stesura della sfoglia, che va  ripiegata più volte su se stessa, (meglio se con l’aiuto di una macchina della pasta) e di una frittura a temperatura moderata che ne permette la lenta formazione senza bruciarle.

Ingredienti: dosi per quattro persone circa

300 gr di farina ’00

40 gr di zucchero

2 uova medie

60 gr di latte

30 gr di strutto

liquore a scelta: Rum, Gran Mariner, Grappa ecc… q.b.

buccia grattugiata di 1 limone grande non trattato

1 pizzico di sale

1 lt di olio di semi di girasole o mais per friggere

zucchero a velo vanigliato per guarnire q.b.

Preparazione:

  1. Mettete sul piano di lavoro la farina a fontana.
  2. Unite il resto degli ingredienti ed impastate fino ad ottenere un composto omogeneo, liscio e vellutato Lasciate riposare in frigo avvolto in una pellicola per circa un’ora.
  3. Ora riprendete l’impasto e ripiegatelo su se stesso diverse volte, poi stendetelo molto sottilmente. Se per tirare la sfoglia usate una macchina, posizionatela sulla penultima tacca.
  4. Tagliate la pasta a strisce e poi dividetela in rettangoli.
  5. Friggete poche strisce per volta in abbondante olio di semi a 170 gradi. Non appena saranno di un bel dorato, scolate e mettere a raffreddare su carta assorbente da cucina.
  6. Infine posizionate su un vassoio e spolverate abbondantemente con lo zucchero a velo.

Come al solito… Buon appetito!

Precedente Salute&Benessere. Mangiare per dimagrire: la “Colazione Dei Campioni” Successivo Salute&Benessere. Infortuni nel golf: un fenomeno sottovalutato