Carciofi ripieni al formaggio

Carciofi ripieni con mollica e formaggio

carciofi-ripeni
Carciofi riepini al formaggio

I carciofi sono un alimento gustoso e salutare molto apprezzato.

Possono essere utilizzati per la preparazione di moltissime ricette, la nostra chef “Zia Pina” vi propone una ricetta semplice da realizzare: i carciofi ripieni. Vediamo dunque come portare in tavola un piatto gustoso, sano e dal costo irrilevante.


La preparazione è semplice e non presenta grandi difficoltà.

Ingredienti per 4 persone

8 carciofi di medie dimensioni
400 gr di mollica di pane del giorno prima (non usare assolutamente pangrattato secco)
150 gr di parmigiano grattugiato
2 spicchi di aglio
alcune foglie di mentuccia fresca tritata
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale q.b.
Pepe q.

PREPARAZIONE

  1. Pulite bene i carciofi, togliere le prime foglie esterne e tagliare l’apice, quindi aprirli al centro quanto basta per inserire il ripieno;
  2. ora prepariamo il condimento per il ripieno:
  3. sbriciolare la mollica con le mani accuratamente (deve essere di grana fine), quindi aggiungere il parmigiano grattugiato;
  4. puliamo gli spicchi di aglio, e togliamo la parte interna (l’anima verde, che è la causa del cattivo odore), quindi tagliateli a pezzettini piccolissimi e miscelateli alla mollica di pane con il parmigiano;
  5. trituriamo la mentuccia ed aggiungiamone al composto il necessario (valutate da soli quanto);
  6. aggiustiamo di sale e pepe e misceliamo il tutto con l’olio di oliva, in modo che il ripieno risulti omogeneo ed impastato;

    preparazione-carciofi
    preparazione dei carciofi ripieni
  7. finalmente siamo pronti a riempire il centro dei carciofi con il preparato, quindi posizioniamo i carciofi ripieni in una pentola alta, aggiungiamo un po d’acqua per la cottura,  sale q.b. ed un filo d’olio;
  8. lasciamo cuocere per circa 15/20 minuti (dipende dalla durezza del carciofo) con la pentola chiusa con il coperchio… finito!

Come al solito… Buon appetito!

Precedente Family Day: i “diversamenti corretti” Successivo Decreto “inappropriatezza”: ecco chi sfugge