Atene di nuovo in fiamme: grazie Tsipras

Atene di nuovo in fiamme: grazie Tsipras

grecia1All’indomani del voto in Grecia che ha riconfermato Tsipras, l’avevamo previsto: il popolo avrebbe pagato. Noi non tifiamo per nessuno se non per il popolo, la libertà e la dignità di tutti.

Quando in gennaio Tsipras fu eletto avevamo esultato, pensavamo che il cambiamento fosse, possibile, abbiamo scritto intere pagine esaltandone le gesta fino alla sera del referendum. Poi abbiamo cambiato registro, anzi Tsipras ha cambiato registro e noi lo abbiamo immediatamente criticato e per questo siamo stati attaccati da una certa sinistra “falsa perbenista”.

Tsipras ha venduto il suo popolo lo abbiamo scritto all’indomani del voto referendario quando ha “scaricato” Vaurofakis e lo ribadiamo oggi. I fatti che in queste ore stanno accadendo in Grecia ci confermano che avevamo ragione.

Oggi ad Atene ci sono stati momenti alta tensione. Il sindacato greco, ha indetto uno sciopero generale per rispondere alle nuove misure concordate dal governo Tsipras con l’Europa che non sono piaciute ne al settore pubblico ne al privato. Nel giorno dello sciopero generale ad Atene il sindacato ha raccolto circa 24 mila nuove adesioni.

A protestare c’erano dipendenti di banche, ospedali, farmacie, musei, scuole, giornalisti, portuali e parte di lavoratori che operano nei trasporti. Dopo un primo momento in cui tutto sembrava svolgersi nella massima calma, improvvisamente si sono verificati incidenti. Ci sono stati momenti di alta tensione, con scontri tra manifestanti e forze dell’ordine, con relativi lanci di bombe molotov e pietre, la polizia antisommossa ha risposto con gas lacrimogeni.

In Grecia l’austerità… continua.

Visite: 114

Debora Ranzetti

Pubblicato da Debora Ranzetti

Debora Ranzetti, romana, avvocato ma blogger per passione. Non ha partiti ne tessere, amante delle battaglie impossibili, il cui motto è: “non mi piego, ma a spezzarmi non ci penso nemmeno”. Scrive quello che pensa, senza filtri, ma sempre nel rispetto delle regole. Animalista, ambientalista, inquieta e sempre di corsa, ma pronta a fermarsi se qualcuno è in difficoltà.